Portato a compimento l’efficientamento energetico, oggetto di molteplici riconoscimenti, dell’Ospedale Universitario Sant’Orsola Malpighi.

Nella foto da sinistra a destra: Stefano Bonaccini (Regione Emilia Romagna), Virginio Merola (Città di Bologna), Antonella Messori (Ospedale Universitario Sant’Orsola),
Francesco Ubertini (Università di Bologna), Claudio Levorato (Manutencoop)

Bologna – EEEF è lieto di annunciare il compimento dei lavori di riqualificazione energetica dell’Ospedale Universitario Sant’Orsola Malpighi, finanziati dal Fondo Europeo per l’Efficientamento Energetico (EEEF). In collaborazione con i partner di “Progetto ISOM” (Concessionario) – Manutencoop e Siram (Consorzio per EPC/O&M e Sponsor) e Sinloc (Arranger Finanziario e Sponsor) – EEEF si è occupato del progetto di efficientamento energetico, vincitore di diversi riconoscimenti, nel corso degli ultimi quattro anni. Una squadra di 750 operai e 60 ingegneri ha lavorato su impianti energetici di nuova generazione ed alla creazione di un sistema di trigenerazione in grado di produrre, in maniera combinata, energia elettrica, termica e frigorifera per l’ospedale, oltre che ad abbassare il suo consumo energetico, i relativi costi e le conseguenti emissioni inquinanti. Il progetto è stato realizzato all’interno dell’esteso complesso ospedaliero, ospitante 87 sale operatorie, senza arrecare alcun disturbo all’assistenza medica prestata ai pazienti – vale a dire una media stimata di 20.000 visitatori al giorno.

Con l’obiettivo di abbattere il consumo energetico, EEEF ha erogato all’Ospedale Universitario nel 2013, tramite un project bond ed un bond per il finanziamento IVA, 31,8 milioni di Euro da impiegare nella riqualificazione dell’intero sistema di produzione e distribuzione del vettore energetico. L’intervento ha incluso la costruzione di un proprio impianto di trigenerazione, allacciato ad una rete di riscaldamento/raffreddamento dei vari reparti estesa su 15 chilometri, e capace di recuperare energia per produrre elettricità. Il progetto, ora terminato e pienamente operativo, è stato portato a compimento nel 2017 ed inaugurato ufficialmente il 20 ottobre 2017 a Bologna (Italia).

Si tratta di un significativo passo in avanti per il servizio sanitario pubblico locale, poichè l’Ospedale Universitario è uno dei più grandi d’Italia e rappresenta quindi un modello da seguire per altre realtà interessate a intraprendere un analogo percorso. Questo progetto è infatti stato una delle più importanti operazioni di efficientamento energetico eseguite in Italia. Premiato nel 2015 con il “CESEF Energy Efficiency Award” nella categoria finanziaria, questo progetto segna un grande risultato che dimostra come un’iniziativa di efficientamento energetico in ambito ospedaliero, attraverso un parternariato pubblico-privato, possa migliorare il servizio ai cittadini.

Per ulteriori informazioni vi invitiamo a consultare quanto segue:

eeef: project video of University Hospital S. Orsola Malpighi

Manutencoop: new power plants and tri-generation systems for University Hospital S. Orsola Malpighi

Progetto ISOM S.p.A. è una società di progetto istituita da Manutencoop Facility Management S.p.A., Siram S.p.A. e Sinloc S.p.A. per realizzare e gestire il nuovo polo tecnologico dell’Ospedale Universitario Sant’Orsola Malpighi per la produzione e distribuzione di energia ad alta efficienza. Un consorzio costituito da Manutencoop Facility Management S.p.A. e Siram S.p.A. ha assunto il ruolo di general contractor per la costruzione (EPC) e la gestione e manutenzione (O&M). La stazione appaltante della concessione è l’Ospedale Universitario Sant’Orsola Malpighi di Bologna.

Il Fondo Europeo per l’Efficienza Energetica (EEEF) S.A., SICAV-SIF è una “societé d’investissement à capital variable” di diritto lussemburghese ed è stato istituito dalla Commissione Europea in collaborazione con la Banca Europea per gli Investimenti. La capitalizzazione iniziale fornita dalla Commissione Europea è stata incrementata dai contributi di Banca Europea per gli Investimenti, Cassa Depositi e Prestiti e Deutsche Bank nel proprio ruolo di Investment Manager.

Torna indietro