eeef contribuisce allinstallazione di impianti fotovoltaici di piccola taglia per il settore pubblico in portogallo

EEEF ha siglato un Memorandum d’Intesa (MoU) con Wattosun, Portogallo, per l’erogazione di 5 milioni di Euro destinati a finanziare un portafoglio di istallazioni fotovoltaiche ad autoconsumo. Queste istallazioni saranno rese accessibili ad utenti nel settore pubblico quali: comuni, aziende a controllo statale ed altri enti pubblici. Ciò renderà accessibile, ad ogni organizzazione interessata, una soluzione per ridurre le bollette elettriche che sia ecosostenibile e finanziariamente conveniente. Wattosun offre un management team altamente competente, con oltre 50 anni di esperienza complessiva nella progettazione, finanziamento e gestione completa di pannelli fotovoltaici installati sui tetti o montati a terra.

Wattosun ha condotto un’approfondita ricerca di mercato, sondando l’interesse degli enti pubblici verso la transizione ad impianti energetici rinnovabili e ad autoconsumo, così come il loro interesse nell’abbattimento dei costi energetici e dei rischi correlati. Nel corso di tale ricerca, Wattosun ha stabilito stretti rapporti con gli enti pubblici, oltre a concludere che l’ammontare medio dei sotto-progetti su questa scala ed in questo settore sarebbe inferiore al milione di Euro. Wattosun ha quindi progettato prodotti specifici, destinati a rappresentare attrattive concrete per le amministrazioni pubbliche. Allo stato attuale, Wattosun è impegnata in trattative con svariate parti nel settore pubblico interessate al modello, con una pipeline mirata nello specifico a sette diversi enti pubblici sparsi sul territorio del Portogallo. La pubblicazione delle prime gare d’appalto è prevista per il primo semestre del 2018. Il progetto complessivo, composto da 7 sotto-progetti, prevede l’utilizzo di 21.000 pannelli fotovoltaici da 1,68 metri quadri. Paragonato al modello base (ovvero all’attuale Rete Energetica Portoghese), il progetto complessivo (7 enti pubblici) comporta una riduzione delle emissioni di C02e pari a 2.650 tonnellate annue, ed un risparmio energetico di 20.736 MWh annui. L’autoconsumo elettrico permetterà agli enti pubblici di abbattere la propria esposizione alle fluttuazioni del prezzo dell’energia, così come di beneficiare di un’effettiva riduzione dei costi energetici.

Il Portogallo continua ad essere tra i leader mondiali nell’ecosostenibilità del proprio mix energetico, incorporando sistemi di generazione rinnovabili. Più del 50% della propria energia deriva infatti da fonti eoliche, solari o idroelettriche. Le previsioni danno il settore delle energie rinnovabili in crescita, ed il Portogallo ha recentemente posto una pietra miliare lungo il proprio cammino sulla strada dell’energia “verde”, essendosi alimentato esclusivamente da fonti rinnovabili per più di quattro giorni consecutivi.

Il Fondo Europeo per l’Efficienza Energetica (EEEF) S.A., SICAV-SIF è una “societé d’investissement à capital variable” di diritto lussemburghese ed è stato istituito dalla Commissione Europea in collaborazione con la Banca Europea per gli Investimenti. La capitalizzazione iniziale fornita dalla Commissione Europea è stata incrementata dai contributi di Banca Europea per gli Investimenti, Cassa Depositi e Prestiti e Deutsche Bank nel proprio ruolo di Investment Manager.

Torna indietro